Coronavirus: come fare disdetta SKY

sky

Come fare disdetta SKY

Come fare la disdetta sky dopo il coronavirus. La crisi del coronavirus ha colpito tutti, mondo dello sport compreso. Di conseguenza anche i palinsesti delle tv non sono più attraenti come qualche mese fa. Lo sport in diretta non c’è più e magari qualcuno potrebbe non trovare più conveniente pagare l’abbonamento SKY.

Come fare quindi la disdetta SKY?

Qui tutte le informazioni necessarie a disattivare l’abbonamento SKY senza dover pagare le penali. In questo articolo spiegheremo dettagliatamente e passo dopo passo, come procedere alla disdetta dell’abbonamento SKY, compilare i moduli, a quale indirizzo spedire il decoder e come procedere alla disattivazione del piano di abbonamento prima della scadenza naturale del contratto.

Esistono due distinte procedure per disattivare l’abbonamento a SKY:

  • prima del termine contrattuale naturale dell’abbonamento;
  • allo scadere del contratto per evitarne il rinnovo.

In entrambi i casi il modulo precompilato,  dovrà essere inviato alternativamente:

via PEC all’indirizzo servizioclientisky@pec.skytv.it ;

con raccomandata a/r all’indirizzo alla casella postale 13057-20141, Milano.

In questa guida pratica, le informazioni pratiche e veloce per disattivare in poche mosse l’abbonamento SKY.

La disdetta dell’abbonamento SKY entro 14 giorni dalla stipulazione del contratto non è soggetta ad alcun costo di disattivazione o penale. Infatti entro questi termini, l’utente ha il diritto di esercitare il diritto al ripensamento, sempre che l’abbonamento sia stato concluso al di fuori dei locali commerciali, quindi online o telefonicamente.

Quindi se hai provato l’offerta SKY e vuoi recedere dovrai compilare il modulo allegato di recesso entro 14 giorni:

Qui bisogna inserire i propri dati (nome, cognome,indirizzo, codice fiscale), numero di telefono, indirizzo email e codice identificativo dell’abbonamento. Il modulo compilato e firmato di pugno deve poi essere inviato:

per raccomandata a/r all’indirizzo SKY CASELLA POSTALE 13057 – 20141 MILANO

oppure

via PEC all’indirizzo servizioclientisky@pec.skytv.it

Ribadiamo che il recesso dall’abbonamento SKY entro 14 giorni è totalmente gratuito. In ogni caso occorre riconsegnare al gestore il decoder e gli altri strumenti ricevuti, nelle modalità che andremo a specificare più avanti, altrimenti verranno applicate delle penali.

Disdetta SKY prima della scadenza dell’abbonamento

Oltrepassati i 14 giorni dalla stipulazione del contratto, il recesso anticipato dall’abbonamento SKY è soggetto a costi fissi. Anche in questo caso non ci sono grandi formalità per disattivare l’abbonamento: basta compilare il modulo ed inviarlo nelle stesse modalità di cui sopra, quindi:

per raccomandata a/r all’indirizzo SKY CASELLA POSTALE 13057 – 20141 MILANO

oppure

via PEC all’indirizzo servizioclientisky@pec.skytv.it

Modulo recesso abbonamento SKY dopo 14 giorni
Come abbiamo anticipato, in questo caso il recesso non è gratuito e dipende dalla tipologia e dalla durata originaria prevista dal contratto. Infatti SKY, in base alle specifiche clausole contrattuali, potrebbe imporre imporre il pagamento di alcune penali per compensare il recesso prima della scadenza naturale del contratto. Il costo fisso per il recesso è di 11,50 euro, tuttavia SKY può legittimamente imporre all’utente di pagare somme ulteriori qualora l’utente abbia beneficiati di particolari offerte o sconti; questa cifra serve a compensare la perdita economica subita a causa della tariffa vantaggiosa applicata.

Disdetta SKY alla fine del contratto, come evitare il rinnovo automatico dell’abbonamento
Può anche accadere che l’utente abbia portato a termine il contratto di abbonamento a SKY ma che non voglia rinnovarlo. In genere, infatti, il rinnovo contrattuale è automatico alla scadenza naturale del contratto ma l’utente ha sempre la possibilità di disattivare l’abbonamento. Per farlo bisogna compilare l’apposito modulo ed inviarlo:

per raccomandata a/r all’indirizzo SKY CASELLA POSTALE 13057 – 20141 MILANO
oppure

via PEC all’indirizzo servizioclientisky@pec.skytv.it

Modulo disdetta alla scadenza naturale dell’abbonamento SKY

La disdetta deve essere comunicata entro 30 giorni dalla data di scadenza fissata nel contratto di abbonamento ed è gratuita, salvo eventuali penali per la mancata restituzione del decoder.

Oltre ai moduli precompilati messi a disposizione direttamente da SKY, ogni utente può scrivere di suo pugno la disdetta e inviarla agli uffici SKY secondo le modalità di cui sopra, quindi via PEC o raccomandata postale.

L’importante è che la comunicazione contenga tutte le informazioni necessarie ad individuare l’utente e la tipologia di abbonamento SKY, quindi servono le informazioni seguenti:

nome, cognome, data di nascita e codice fiscale dell’intestatario dell’abbonamento;
indirizzo di domicilio/residenza;
codice cliente e codice identificativo del contratto;
indicazione della tipologia di disdetta: entro i 14 giorni, dopo i 14 giorni ma prima della scadenza del contratto, richiesta di mancato rinnovo.
Il modulo dovrà poi essere firmato di pugno, datato e inviato:

per raccomandata a/r all’indirizzo SKY CASELLA POSTALE 13057 – 20141 MILANO
oppure

via PEC all’indirizzo servizioclientisky@pec.skytv.it
La disdetta deve essere comunicata entro 30 giorni dalla data di scadenza fissata nel contratto di abbonamento ed è gratuita, salvo eventuali penali per la mancata restituzione del decoder.

Disdetta SKY, restituzione decoder e altri strumenti
Qualunque sia il motivo del recesso e la tipologia di abbonamento, chi vuole disdire il contratto SKY oltre al modulo deve anche inviare indietro la strumentazione ricevuta, ad esempio il decoder e il telecomando.

Dopo aver inviato il modulo di recesso, SKy comunicherà all’utente la data entro al quale restituire gli strumenti, dal momento in cui il contratto viene chiuso devono trascorrere 30 giorni al massimo per restituire:

decoder;
smart card;
telecomando SKY;
digital key.
Sul sito ufficiale www.sky.it è possibile consultare l’elenco degli Sky Service più vicini alla propria abitazione.

Disdetta sky: le penali per la mancata restituzione del decoder
Chi non restituisce gli strumenti ricevuti con il contratto SKY deve pagare delle penali, stessa cosa se la restituzione non avviene nei termini indicati oppure gli strumenti risultano difettosi, rotti o in cattivo stato. Questi infatti vengono consegnati in comodato d’uso al cliente che nel contratto di abbonamento firma l’impegno a restituirli nelle medesime condizioni.

Le penali sono variabili e dipendono dal costo dei singoli strumenti e dallo stato di danneggiamento, ad esempio per la mancata restituzione del decoder My SKY si applicherà una penale di 150 euro.

 

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *